Birdman – o (L’imprevedibile virtù dell’ignoranza)



ADBlock Rilevato


Siamo un piccolo team e lavoriamo sodo per garantire la massima qualità delle nostre recensioni. L'unica nostra fonte di guadagno sono le inserzioni inserite saltuariamente e discretamente all'interno degli articoli. Pertanto non è possibile visitare il sito con un AdBlock attivo.

Grazie per la vostra comprensione, Unpolitical Reviews.

Ho disattivato l'AdBlock
LOADING
Alejandro González Iñárritu

Birdman - o (L'imprevedibile virtù dell'ignoranza)

Scheda:

birdman_info

© 20th Century Fox

Titolo originale:

Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)

Uscita Italia:

5 Febbraio 2015

Uscita USA:

17 ottobre 2014

Regia:

Alejandro González Iñárritu

Sceneggiatura:

Alejandro González Iñárritu, Nicolás Giacobone, Alexander Dinelaris, Armando Bo

Genere:

Drammatico

VOTO: ★9-

Cast:

Trama:

Riggan Thomson, attore oramai sulla via del tramonto, cerca di riacquistare fama e prestigio con una nuova produzione teatrale.

L’attore Riggan Thomson (Micheal Keaton) cerca di allontanarsi dal personaggio che l’ha reso celebre mettendo in scena un’opera teatrale.

In piena crisi economica, personale e familiare, Riggan cerca di riallacciare i rapporti con la figlia Sam (Emma Stone), appena uscita da una clinica di riabilitazione per uso di sostanze stupefacenti.

Sam non è l’unica persona con cui l’attore ha a che fare, Mike Shiner (Edward Norton) cerca di sfondare nell’industria e vuole usare l’opera teatrale di Riggan come trampolino di lancio.

“Il suo vero nemico è, paradossalmente, sé stesso, il suo ego, che prende le sembianze di birdman, che cerca in ogni modo di dissuaderlo dall’idea di allontanarsi dai blockbuster.”

Riggan perde sempre di più il controllo delle situazioni che lo circondano e le discussioni con birdman lo mettono sempre più in crisi.

La sera della prima finalmente arriva e il pubblico è entusiasta della performance del vecchio attore. Il copione prevede però che dopo l’ultima battuta pronunciata da RIggan, questo debba fingere di suicidarsi sparandosi un colpo di pistola alla tempia. Poco prima dell’ultimo atto però decide di sostituire la pistola giocattolo con una vera arma da fuoco e si spara.

Svegliatosi in ospedale con la faccia sfregiata, l’attore viene accolto con amore da sua figlia e dal suo manager, che gli annuncia il grande successo della prima; ma non appena rimane solo apre la finestra e attirato dal verso degli uccelli, si butta. Sam poco dopo torna nella stanza del padre e, vedendo la finestra aperta, teme il peggio e guarda di sotto ma, sentendo in lontananza il verso di un rapace alza lo sguardo e sorride.

Recensione:

Vincitore di quattro premi oscar tra cui miglior film e miglior regia, Birdman o (l’imprevedibile virtù dell’ignoranza) ha segnato a tutti gli effetti la consacrazione a livello mondiale del regista Alejandro González Iñárritu (21 grammi, 2006; Revenant – Redivivo, 2015).

Sin dai primi minuti lo spettatore viene trasportato in un’altra dimensione, la dimensione del teatro.

“La teatralità, così come la creazione di un palcoscenico, reale ma anche metafisico, sono dei velati protagonisti che fanno sentire la loro presenza. La bravura degli attori risiede anche nel sapere modificare la loro recitazione per il film e per l’opera che stanno mettendo in scena, distinguendo e facendo distinguere chiaramente le due dimensioni recitative.”

La profonda immersione dello spettatore nella pellicola è dovuta anche a un ottimo lavoro effettuato sul montaggio sonoro, donando al film un audio perfetto a livello di intensità. Basta pensare alla scena in cui Riggan riceva la telefonata via skype, dove il suono arriva alla sua sinistra, così come si percepisce in sala e, quando la macchina gira e il computer si sposta invece sulla destra dello schermo, lo stesso movimento segue anche all’orecchio dello spettatore; aumentando l’idea della personificazione della telecamera con gli occhi (e le orecchie) dello spettatore.

La sceneggiatura, studiata nei minimi dettagli, entra nel merito della costruzione tecnica eseguita magistralmente a 360°; un lavoro di scrittura che compie alla perfezione un arco narrativo che nei tempi effettivi è breve, ma che agisce sui personaggi con un’evoluzione a tutto tondo.

La definizione di alcuni aspetti macroscopici non fa altro che aumentare il livello di precisione del film, come la piuma tatuata di Sam, che richiama la figura dell’uomo uccello o la questione della pistola, in cui Riggan si lamenta della palese falsità dell’oggetto e si spara proprio con l’arma funzionante.

L’inventiva di Iñárritu non si limita solo al livello stilistico di regia, ma anche a un più profondo piano di progettazione del film, come già accennato curato nei minimi dettagli, come la ritmica di sola batteria che accompagna quasi tutta la narrazione o l’idea di girare il film in modo che risulti come un lunghissimo long take, e qui è doveroso citare anche un lavoro di montaggio ottimo in quanto le riprese non hanno seguito l’effettiva narrazione temporale del film.

L’unica nota dolente del film sembrerebbe proprio arrivare con il suo epilogo, il finale infatti risulta forse eccessivamente aperto e basato su un astrattismo che stona con il perfetto tecnicismo e realismo utilizzati invece per il resto della narrazione.

Pro:

  • Eccellente lavoro tecnico, dalla regia, al montaggio, alla sceneggiatura.
  • Interpretazioni del cast..
  • Dimensione del teatro e della teatralità.

Contro:

  • Finale troppo aperto, che stona con il tecnicismo usato.

0 / 5. 0