I due papi



ADBlock Rilevato


Siamo un piccolo team e lavoriamo sodo per garantire la massima qualità delle nostre recensioni. L'unica nostra fonte di guadagno sono le inserzioni inserite saltuariamente e discretamente all'interno degli articoli. Pertanto non è possibile visitare il sito con un AdBlock attivo.

Grazie per la vostra comprensione, Unpolitical Reviews.

Ho disattivato l'AdBlock
LOADING
Fernando Meirelles

I due papi

Scheda:

i_due_papi_info

© Netflix

Titolo originale:

The Two Popes

Uscita Italia:

20 Dicembre 2019

Uscita USA:

20 Dicembre 2019

Regia:

Fernando Meirelles

Sceneggiatura:

Anthony McCarten

Genere:

Drammatico, Biografico, Commedia

VOTO: ★8-

Cast:

Trama:

La parabola del gesuita José Mario Bergoglio, dalla giovinezza al controverso rapporto con la dittatura argentina, raccontata negli amichevoli e ironici dialoghi con il predecessore Joseph Ratzinger, papa in crisi, al momento del passaggio di carica pontificia.

Nel 2005, si apre a Città del Vaticano un nuovo conclave, dopo la morte del celebre quanto conservatore papa Giovanni Paolo II. Fra i favoriti, due cardinali con opposte visioni del mondo e della fede: il tedesco Joseph Ratzinger (Anthony Hopkins), colto teologo e strenuo accusatore del relativismo, e l’argentino Jorge Mario Bergoglio (Jonathan Pryce), vescovo di Buenos Aires che, dopo un passato da conservatore, si è aperto a una visione più inclusiva e umana della Chiesa.

A seguito della vittoria di Ratzinger, ora papa Benedetto XVI, Bergoglio torna in Argentina e progetta di rassegnare le proprie dimissioni e ritirarsi come sacerdote di parrocchia. Gli anni passano e la Chiesa è sconvolta da scandali fiscali, morali e giudiziari, fra cui primeggia l’arresto dell’assistente personale del papa. Ratzinger chiama così Bergoglio a Castel Gandolfo, residenza estiva, per indagarne il pensiero così opposto al proprio. Bergoglio, recatosi ai Castelli romani per consegnare ufficialmente la lettera di dimissioni, non riesce nel proprio intento: Ratzinger sembra temere che i fedeli possano leggere il ritiro dell’argentino come ennesima critica alle proprie politiche. Fra i due si svolgono una serie di dialoghi, ora teologici, ora personali, in cui emergono le reciproche diffidenze. Tuttavia, sono i momenti di quotidianità a cementare in loro un’amicizia profonda. Costretto a tornare a Roma,

“Ratzinger invita Bergoglio nella Cappella Sistina e qui avvengono, per ognuno di loro, confessioni nascoste e dolorose: Benedetto è stanco di fare il papa, non sente più la presenza di Dio e vorrebbe abdicare;”

Bergoglio vive ancora con rimorso il ricordo degli anni della dittatura argentina di Jorge Videla e Emilio Massera, durante la quale, a suo dire, non fece abbastanza per aiutare i propri colleghi e amici oppositori del regime.

I due amici si salutano con affetto e Bergoglio fa ritorno al proprio paese. Nel 2013, a sorpresa, Ratzinger annuncia il proprio ritiro. Si apre così un nuovo conclave che vede nominato Bergoglio. Dopo i primi timori, il nuovo pontefice assume il nome di Francesco e inizia il proprio operato con gesti coraggiosi quali il viaggio apostolico a Lampedusa fra i migranti. L’amicizia con Ratzinger, ora papa emerito, è però mantenuta: i due non esitano a trovarsi per guardare le partite di calcio, sport tanto amato dall’argentino quanto poco capito dal tedesco, come due amici di lunga data.

Recensione:

Netflix, come è noto, sta cercando sempre più di differenziare i propri prodotti in più direzioni. Una di queste è quella del film d’autore, sottratto all’egida della distribuzione in sala, avutasi specialmente con Roma (2018) di Alfonso Cuarón e The Irishman (2019) di Martin Scorsese. Un’altra è quella di un filone più diffuso di quanto sembri: la buddy comedy con anziani protagonisti. Ne è esempio la sit-com di successo Il metodo Kominsky (2018 – …) di Chuck Lorre, dove due attori di conclamato carisma quali Michael Douglas e Alan Arkin impersonano individui con gli acciacchi dell’età e il cinismo dei ventenni. I due papi del brasiliano Fernando Meirelles (City of God, 2002; Blindness – Cecità, 2008) tenta di intersecarle, riuscendovi, entrambe. Lo spettatore non si deve però aspettare l’invenzione fantapolitica, e un po’ compiaciuta, di The young pope (2016) di Paolo Sorrentino: il riferimento qui più presente è quello della narrazione documentaristica, mascherata sotto il velo della confessione come sacramento e pratica fra amici.

È forse quest’ultimo uno dei lati più interessanti della regia di Meirelles: saper coniugare la leggerezza della regia teatrale a quella del documento storico. La prima modalità risulta evidente nelle lunghe scene dialogiche fra i due protagonisti, che avvengono mai casualmente in luoghi che sono vere e proprie eterotropie, soglie simboliche e amplificazioni del confessionale cattolico: il giardino, la Cappella Sistina, l’elicottero. La seconda si ha nell’effettiva commistione di materiale d’archivio e di finzione, abilmente montata da Fernando Stutz. Altrove, la regia rivela le vere doti di Meirelles: la bravura dei piani senza stacco in movimento, nella magnifica sequenza d’apertura fra le strade di Buenos Aires i cui graffiti si rifanno alla parabola narrata in voice-off, e la perfezione nella costruzione formale dell’immagine. La quale viene ancora più nobilitata dalla bellezza delle location di Roma e Castel Gandolfo, ma anche dalle scenografie di Mark Tildesley (I love Radio Rock, 2010; Il filo nascosto, 2017), eleganti e realistiche. Un plauso, per terminare con il comparto visivo, va alla fotografia di César Charlone, collaboratore abituale di Meirelles, capace di passare da uno stile estetico all’altro a seconda del periodo e del flashback narrato: lo pseudo-documento in pellicola, il bianco e nero, la luce naturale, le sequenze più mistiche.

Venendo al soggetto e alla sceneggiatura, come si è anticipato, la regia sa sfruttare al meglio quello che apparentemente potrebbe essere un limite: l’impianto fortemente teatrale della storia, scritta da Anthony McCarten (L’ora più buia, 2017; Bohemian Rhapsody, 2018) e tratta da una sua stessa pièce.

“L’idea di trattare due personaggi rilevanti, politicamente e spiritualmente, con la leggerezza della già vista commedia degli opposti è senza dubbio motivo di interesse. Lungi dall’essere banali, i dialoghi sono ironici quando basta (es. Bergoglio che fischietta Dancing Queen degli Abba),”

per poi passare a un’esplorazione psicologica dei protagonisti di ottima fattura: nell’ascoltare la loro riflessione filosofica sul mondo, sui propri pentimenti e controversie (personali, ma anche appartenenti alla Storia), non serve essere credenti per apprezzare, senza mai annoiarsi, la complessità dei ritratti che ne emergono. Il difetto principale della sceneggiatura, semmai, è nell’evidente sbilanciamento in favore di papa Francesco: del quale, oltre a fornire una descrizione certo lusinghiera e decisamente celebrativa (qualcuno, soprattutto in Sudamerica, potrebbe criticare la facilità con cui Bergoglio, da conservatore, diventa progressista), si racconta il passato in modo più approfondito di Ratzinger. Il rischio per quest’ultimo, per quanto ritratto con grazia e placida ironia, è così di sembrare troppo macchiettistico.

A restituire degnamente i personaggi, più ancora dei dialoghi, sono però le ottime interpretazioni dei protagonisti. Il rischio di farne delle imitazioni da cabaret è decisamente stornato: la fragilità di Ratzinger e il dramma di Bergoglio sono perfettamente resi. Per finire, ulteriore nota sufficientemente positiva sono le musiche di Bryce Dessner: certamente risulta straniante sentire Bella ciao in un momento del film, tuttavia si può pensare si tratti di un riferimento alla Teologia della liberazione. La difficoltà nell’accettarne l’utilizzo, senza dubbio, è più propria dello spettatore italiano che di quello internazionale, per ovvi motivi.

I due papi potrebbe essere fra i grandi protagonisti dei prossimi Golden Globe. A prescindere da ciò, si tratta innegabilmente di un prodotto intelligente, colto e leggero allo stesso tempo e, malgrado i difetti, di qualità e impegno evidenti.

Pro:

  • Interpretazioni rispettose e realistiche.
  • Regia e fotografia ottime e alterne nel proprio stile, dal realismo all’iperrealismo.
  • Soggetto di grande interesse e dialoghi leggeri e profondi al tempo stesso.

Contro:

  • La sceneggiatura si sbilancia troppo a favore di uno dei due personaggi, trascurando l’altro, e a tratti troppo celebrativa.
  • Spiazzante (ma spiegabile) utilizzo di Bella ciao nella colonna sonora.

0 / 5. 0