Maleficent – Signora del male



ADBlock Rilevato


Siamo un piccolo team e lavoriamo sodo per garantire la massima qualità delle nostre recensioni. L'unica nostra fonte di guadagno sono le inserzioni inserite saltuariamente e discretamente all'interno degli articoli. Pertanto non è possibile visitare il sito con un AdBlock attivo.

Grazie per la vostra comprensione, Unpolitical Reviews.

Ho disattivato l'AdBlock
LOADING
Joachim Rønning

Maleficent - Signora del male

Scheda:

maleficent_signora_del_male_info

© Walt Disney Pictures

Titolo originale:

Maleficent

Uscita Italia:

17 Ottobre 2019

Uscita USA:

18 Ottobre 2019

Regia:

Joachim Rønning

Sceneggiatura:

Linda Woolverton

Genere:

Fantastico, Avventura, Azione

VOTO: ★5.5

Cast:

Trama:

In seguito alla notizia dell’imminente matrimonio tra il principe Filippo e la regina della Brughiera Aurora, la pace stipulata tra i due regni sembra essere sempre più fragile.

La vita quotidiana in Brughiera subisce un’inaspettata svolta quando il principe Filippo (Harris Dickinson) chiede ad Aurora (Elle Fanning) di sposarlo e di invitare, in seguito alla risposta affermativa della fanciulla, Malefica a cena a palazzo.

Inizialmente la creatura si rivela essere molto riluttante all’idea ma, dopo essere stata intenerita dall’amore per Aurora, decide di accettare l’invito del principe.

A corte però, la situazione non è delle più agevoli in quanto la regina Ingrid (Michelle Pfeiffer) si dimostra fin da subito ostile e sprezzante nei confronti di Malefica. Ben presto la situazione degenera e nella confusione re Giovanni cade vittima di un sortilegio e sprofonda in sonno profondo; alla visione del re inerme, Ingrid accusa Malefica di aver lanciato un incantesimo e convince di ciò anche la giovane Aurora che decide di non seguire la donna in Brughiera.

“Poco dopo aver lasciato il castello Malefica viene colpita in volo e cade, gravemente ferita in mare. Fortunatamente viene salvata da Conall (Chiwetel Ejiofor), una creatura uguale a lei nelle sembianze.”

Ben presto Malefica apprende la verità sulla sua specie: mai realmente estinta, ma solo nascosta nel sottosuolo. Inoltre, le spiegano che è l’ultima discendente della Fenice, da cui ha ottenuto i suoi poteri.

Ben presto, lo scontro tra gli umani e le creature ha inizio; Ingrid è a capo dell’esercito, ma il suo potere è destinato a durare poco, in quanto il principe Filippo scopre la verità sul sortilegio lanciato al padre da Ingrid, e non da Malefica.

Arrivate una davanti all’altra, la creatura e la regina si scontrano e l’esito finale porta alla vittoria di Malefica.

Recensione:

Dopo il primo, promettente, capitolo Maleficent, la Disney decide di portare sul grande schermo il tanto inutile tanto deludente sequel: La signora del male.

L’inconcludente e confusa sceneggiatura conferma l’aspettativa di un prodotto creato solo per aggiungere qualche zero nelle casse del colosso Disney; nuovi personaggi con poco spessore emotivo e personaggi già ben assestati nel primo capitolo che perdono ogni potenzialità (prima tra tutti la protagonista). I dialoghi non migliorano la mediocre scrittura legata ai personaggi e alla narrazione, risultano anzi noiosi e a tratti cringe.

L’incapacità della scrittura di creare, o ricreare, personaggi interessanti, ricade soprattutto sulla recitazione che risulta piatta e noiosa, fatta eccezione forse per la Jolie (anche se sottotono rispetto al primo capito) all’interpretazione di Michelle Pfeiffer (Scarface, 1983; Le relazioni pericolose, 1988) che riesce a risollevare la sorte del suo personaggio, donando alla regina Ingrid eleganza e glacialità.

Quel che funzionava in modo eccelso nel primo film, i reparti tecnici, funzionano abbastanza anche in questo capitolo ma è doveroso sottolineare come non ci siano stati dei grandi cambiamenti o innovazioni, malgrado La Signora del male sia uscito ben cinque anni dopo Maleficent.

“La monotonia degli effetti visivi e della CGI, accompagnata da una scrittura mediocre, denota una certa, se così si può dire, pigrizia nella realizzazione della pellicola.”

Malgrado la storia di vendetta della regina Ingrid, poteva avere un certo potenziale narrativo, la confusione innescata dalla questione dei “poteri della fenice” e l’inutilità delle creature simili a Malefica, mettono in secondo piano le poche cose che funzionano.

Per concludere, di certo si tratta di un film creato con l’intenzione di stupire, in pieno stile Disney, ma che arriva quasi ad annoiare lo spettatore, senza raggiungere mai un vero apice narrativo o visivo.

L’unica scena che effettivamente intrattiene è quella della cena a palazzo, dove la dinamicità del dialogo tra Malefica e Ingrid e il loro essere due personaggi forti e, neanche a dirlo, malefici, crea una situazione comica e ironica.

Pro:

  • La performance di Michelle Pfeiffer.
  • I reparti tecnici.

Contro:

  • Sceneggiatura confusa.
  • Performance attoriali che risentono della mediocrità della sceneggiatura.

0 / 5. 0