Home
Recensioni
Chi Siamo
Tim Burton

Dumbo | Recensione | Unpolitical Reviews

Scheda:

poster di Dumbo
Titolo Originale:
Dumbo
Regia:
Tim Burton
Uscita:
28 marzo 2019
(prima: 27/03/2019)
Lingua Originale:
en
Durata:
112 minuti
Genere:
Famiglia
Fantasy
Avventura
Soggetto:
Sceneggiatura:
Ehren Kruger
Fotografia:
Ben Davis
Montaggio:
Chris Lebenzon
Scenografia:
John Bush
Musica:
Danny Elfman
Produzione:
Ehren Kruger
Katterli Frauenfelder
Derek Frey
Justin Springer
Produzione Esecutiva:
Tim Burton
Nigel Gostelow
Casa di Produzione:
Tim Burton Productions
Walt Disney Pictures
Moving Picture Company
Infinite Detective
Secret Machine Entertainment
British Film Commission
UK Government's High End Television Tax Relief
Province of British Columbia Production Services Tax Credit
Government of Australia
South Australian Film Corporation
Budget:
$170 milioni
Botteghino:
$215 milioni
Carica Altro

Redazione

7-

Pubblico

Redazione
Pubblico

Cast:

Holt Farrier
Colin Farrell
V. A. Vandemere
Michael Keaton
Max Medici
Danny DeVito
Colette Marchant
Eva Green
J. Griffin Remington
Alan Arkin
Milly Farrier
Nico Parker
Joe Farrier
Finley Hobbins
Pramesh Singh
Roshan Seth
Rongo the Strongo
Deobia Oparei
Neils Skellig
Joseph Gatt
Ivan the Wonderful
Miguel Muñoz Segura
Miss Atlantis
Sharon Rooney
Catherine the Greater
Zenaida Alcalde
Baritone Bates
Michael Buffer
Rufus Sorghum
Phil Zimmerman
Pritam Singh
Ragevan Vasan
Puck the Organ Grinder
Frank Bourke
'Dumbo' Performer
Edd Osmond
Anne Farrier
Zelda Rosset Colon
Contortionist
Benjamin French

Trama:

Anticipazione

Trama Completa

Adattamento cinematografico della storia illustrata di Helen Aberson, il film è il remake in live action di “Dumbo – l'elefante volante”, film d'animazione del 1941.

Recensione:

Dopo tre lunghi anni di assenza dalle scene Tim Burton torna alla regia e alla produzione con Dumbo. Per i grandi nostalgici dello stile del regista il progetto rappresentava una speranza di un ritorno in grande stile e la realizzazione di una fiaba dark che finalmente si sarebbe potuta distinguere dalla piattezza del mercato cinematografico degli ultimi anni.

Dumbo però non solo delude queste aspettative ma, si presenta come un film Disney diretto da Tim Burton con tanto Disney e poco Burton, la regia si sarebbe potuta affidare a qualsiasi altro regista in quanto di stile Burtoniano si percepisce ben poco.

Nel corso del film vengono introdotti molti personaggi, forse con l'intento di differenziarsi dalla produzione precedente, ma che risultano banali e quasi inutili al fine della narrazione. L'idea di rappresentare il circo e i suoi ‘Freaks' poteva risultare con una buona base per gettare le fondamenta per qualcosa di creepy e per il tema della diversità che invece viene affrontato quasi marginalmente, eppure Dumbo è Dumbo in quanto rappresenta un'anomalia e questo viene invece usato quasi come una sottotrama.


Il cast, che su carta promette molto, rimane vittima di una scarsa caratterizzazione che non conferisce nessun entusiasmo alle interpretazioni.


Eva Green sembra l'unica che riesce a brillare, metaforicamente e fisicamente, grazie alla sua bellezza eterea incorniciata dai costumi sublimi della quattro volte premio Oscar Collen Atwood.

Nota negativa per Colin Farell che non riesce a portare al suo personaggio né fascino né spessore emotivo, malgrado la storyline del padre, vedovo ed ex soldato mutilato; l'unica scelta discutibile in fatto di casting in quanto non rappresenta in alcun modo le caratteristiche che predilige Burton nella scelta dei suoi personaggi, non sarò banale e non dirò che Jhonny Depp sarebbe stata la scelta perfetta ma mi limiterò a dire che Helena Bonham Carter con la barba e senza un braccio avrebbe potuto portare al personaggio più charme.

Grazie alle musiche di Danny Elfman riusciamo ad assaporare un po' di quella malinconia che circondava il film d'animazione ed è attraverso Elfman e ad alcune scene, tra cui quella degli elefanti rosa e quella degli animali truccati e chiusi in gabbia, che riusciamo ad assaporare lo stile della vecchia scuola di Burton.

La scenografia riesce a conferire alla pellicola l'effetto fiabesco e disneyano, in particolare quando la narrazione si sposta a Dreamland che richiama in modo pittoresco Disneyland.

Il punto di forza del film è l'accuratezza dell'atmosfera creata tutt'intorno alla narrazione, che riesce ad avvolgere totalmente lo spettatore e a teletrasportarlo direttamente nel mondo fiabesco di Dumbo.

CGI ottimi e in linea agli standard che avevano creato con Alice nel Paese delle Meraviglie, gli animali del circo infondono umanità senza però perdere la loro realisticità.

Menzione speciale all'elefantino, che riesce a fare suscitare un po' di tenerezza a ogni inquadratura dei suoi dolci e incredibilmente espressivi occhioni azzurri che insieme ai suoi tratti da cucciolo riescono a diffondere empatia, senza risultare una caricatura dello stesso Dumbo.

In generale, la pellicola risulta un live action riuscito, sicuramente apprezzato più dalle nuove generazioni, abituati a prodotti Disney come Frozen o InsideOut. E per chi invece è cresciuto a pane e vecchi Disney può comunque portare a casa un po' di quell'atmosfera malinconica e suggestiva del film, che riporta alla memoria tutti quei pomeriggi passati a vedere la videocassetta di quel piccolo, adorabile, elefantino volante.

A cura di Linda Giulio.

Pro:

  • Ottimo utilizzo della CGI.
  • Riarrangiamento delle musiche perfetto.
  • Ottima scelta e realizzazione dei costumi.

Contro:

  • Stile registico carente.
  • Limitata personalizzazione dei personaggi.
  • Interpretazioni non eccelse.

Commenti:


Caricamento modulo