Home
Recensioni
Chi Siamo
David Gordon Green

Halloween Kills | Recensione | Unpolitical Reviews

Scheda:

poster di Halloween Kills
Titolo Originale:
Halloween Kills
Regia:
David Gordon Green
Uscita:
8 settembre 2021
(prima: 14/10/2021)
Lingua Originale:
en
Durata:
105 minuti
Genere:
Horror
Thriller
Soggetto:
Debra Hill
John Carpenter
Sceneggiatura:
Danny McBride
David Gordon Green
Scott Teems
Fotografia:
Michael Simmonds
Montaggio:
Timothy Alverson
Scenografia:
Matthew Sullivan
Musica:
Produzione:
Bill Block
Jason Blum
Malek Akkad
Produzione Esecutiva:
Jamie Lee Curtis
John Carpenter
Danny McBride
David Gordon Green
Jeanette Volturno
Couper Samuelson
Ryan Freimann
Casa di Produzione:
Miramax
Universal Pictures
Blumhouse Productions
Trancas International Films
Rough House Pictures
Home Again Productions
Budget:
$20 milioni
Botteghino:
$131 milioni
Carica Altro

Redazione

5.5

Pubblico

Redazione
Pubblico

Cast:

Laurie Strode
Jamie Lee Curtis
Karen Nelson
Judy Greer
Allyson Nelson
Andi Matichak
The Shape
James Jude Courtney
The Shape
Nick Castle
The Shape (1978)
Airon Armstrong
Officer Hawkins
Will Patton
Young Hawkins
Thomas Mann
Pete McCabe
Jim Cummings
Lindsey Wallace
Kyle Richards
Cameron Elam
Dylan Arnold
Lonnie Elam
Robert Longstreet
Tommy Doyle
Anthony Michael Hall
Leigh Brackett
Charles Cyphers
Big John
Scott MacArthur
Little John
Michael McDonald
Tivoli
Ross Bacon
Marion Chambers
Nancy Stephens
Sondra
Diva Tyler
Brian the Bartender
Brian Mays

Trama:

Anticipazione

Trama Completa

Mike Myers sopravvive a un incendio ed è pronto a uccidere: la cittadina di Haddonfield si mette sulle sue tracce.

Recensione:

Dodicesimo film della serie iniziata con il capolavoro del 1978 Halloween – La notte delle streghe di John Carpenter (1997: Fuga da New York, 1981; Essi vivono, 1988), il nuovo capitolo celebra il mito, ormai inossidabile, di Mike Myers. Protagonista assoluto della pellicola, lo storico personaggio è ormai indistinguibile dalla sua maschera e agisce, in modo automatico e inarrestabile, esattamente come un'entità che ha trasceso la realtà per diventare incarnazione delle paure più animalesche, legate all'ignoto e alla sopravvivenza. Il dialogo con l'originale, con tanto di citazioni dirette e flashback d'epoca, è continuo: mancano tuttavia la suspense e la tensione che Carpenter, tramite scelte registiche quali il celebre piano sequenza in soggettiva iniziale, era riuscito a creare, in luogo di una più esplicita violenza. La favola malata è inquietante di Carpenter si è trasformata in un brand e Halloween Kills sembra abbracciare in pieno questa metamorfosi. Pure il fin troppo bistrattato Halloween di Rob Zombie del 2007, portandoci per una volta alla dissonanza cognitiva empatizzando con Myers, brillava di maggiore originalità.

Il problema principale di quest'ultimo capitolo risiede, innanzitutto, nella sceneggiatura di Scott Teems, David Gordon Green e Danny McBride. Quando non vuole puntare all'effetto nostalgia, ricreando pur con fedeltà ed efficacia le ambientazioni di fine anni Settanta, il film si basa sulla ripetizione con lievi variazioni degli omicidi di Myers. Alcuni di questi risultano perlomeno interessanti per un ricorso ad una sorta di umorismo macabro. Altrove, il gusto della violenza appare fine a se stesso, quasi uno riempitivo per sopperire a una carenza concettuale di fondo.


Troppo pilotate e scontate sono le svolte narrative, a cominciare dall'ennesima resurrezione finale di Myers, giustificata da una spiegazione soprannaturale appena accennata nel finale.


Più riuscita è davvero la presenza di scene demenziali, che seguono il sempre riuscito abbraccio, talvolta involontario, fra orrore e comicità: senza raggiungere i livelli di humor macabro di Rob Zombie, alcune sequenze quali il pompiere che tenta di bloccare Myers con un getto d'acqua risultano minimamente divertenti.

Scontata infine è la descrizione della cittadinanza in preda al panico per la presenza del mostro. Il tema dell'animalità della comunità che emerge in situazioni di emergenza era già stata approfondita da Fritz Lang con M – Il mostro di Düsseldorf (1931), dove però era portante il paradosso kafkiano del presunto innocente braccato dagli accusatori e la trovata coreografica vincente era la ripresa della massa cittadina nel suo insieme, contrapposta alla solitudine del mostro. Tutto questo è assente in Halloween Kills, che nella continua decimazione dei personaggi si riduce ad una riproposizione del genere survivor già vista sul grande e sul piccolo schermo.

Più riuscita, senza eccellere, è la regia di Gordon Green, che in svariate sequenze di atmosfera riesce ad essere efficace e utilizza talvolta alcuni giochi di prospettiva interessanti (fra cui la soggettiva dell'uomo che cade dalla finestra, o i riflessi di Myers nelle finestre diroccate). Mediocre la fotografia di Michael Simmonds, mentre le musiche vivono del debito con la classica colonna sonora di John Carpenter, peraltro non perfettamente arrangiata.

Quanto alle interpretazioni, al di là della fisicità del protagonista, non basta certamente la presenza di Jamie Lee Curtis, impegnata nel ruolo che le diede fama nel 1978, a risollevare una storia che non riesce a creare empatia con i personaggi. Halloween Kills, in sé, non è un prodotto terribile: risulta però confuso e troppo legato a più importanti precedenti per poter acquisire un'autonomia.

A cura di Michele Piatti.
Pubblicato il 25 ottobre 2021.

Pro:

  • Riuscita presenza di humor macabro.
  • Regia non eccellente, ma efficace in alcune scelte.

Contro:

  • Sceneggiatura debole, troppo legata al mito già iconico di Myers.
  • Banalità delle svolte narrative e della psicologia dei personaggi.
  • Arrangiamento musicale e fotografia mediocri.

Commenti:


Caricamento modulo