Unpolitical Reviews

Rocketman

Rocketman

ADBlock Rilevato


Siamo un piccolo team e lavoriamo sodo per garantire la massima qualità delle nostre recensioni. L'unica nostra fonte di guadagno sono le inserzioni inserite saltuariamente e discretamente all'interno degli articoli. Pertanto non è possibile visitare il sito con un AdBlock attivo.

Grazie per la vostra comprensione, Unpolitical Reviews.

Ho disattivato l'AdBlock

Scheda:

rocketman_info

© 20th Century Fox

Titolo originale: Rocketman
Uscita Italia: 29 Maggio 2019
Uscita USA: 31 Maggio 2019
Regia: Dexter Fletcher
Sceneggiatura: Lee Hall
Genere: Musicale, Biografico, Drammatico

Voto: ★5.5

Cast principale:

Trama:

La confessione, in forma di musical, dell’artista Elton John, che si confronta con la propria carriera giovanile segnata da successi, affetti controversi ed eccessi.

L’affermato cantante rock Elton John, al secolo Reginald Dwight (Taron Egerton), si ritrova, bardato dei fantasiosi costumi dei suoi show, ad una riunione di supporto psicologico per dipendenze. Si trova così a ripercorrere la propria ascesa, caduta e rinascita fin dall’infanzia, confessando alcolismo, bulimia, tossicodipendenza e altri mali che lo hanno afflitto.

Il piccolo Reginald (Kit Connor, doppiato nel canto da Elton John) è un bambino della middle class britannica, timido e naturalmente portato per il pianoforte. A supportarlo è solo la nonna materna (Gemma Jones), mentre il padre si dimostra anaffettivo e severo e la madre (Bryce Howards) tradisce continuamente il consorte.

Continua...

Offerta Partner

Ottenuta una borsa di studio presso la Royal Academy of Music, Reginald diventa adolescente e sviluppa una forte passione per il rock. Durante le sue prime esperienze dal vivo prima nei locali di periferia, poi come accompagnatore a un complesso soul, realizza la propria omosessualità. Assieme all’amico e paroliere Bernie Taupin (Jamie Bell), presentatogli dai manager Dick James (Stephen Graham) e Ray Williams (Charlie Rowe), riesce finalmente a ottenere la possibilità di esibirsi al Troubadour di Los Angeles, fucina di grandi nomi della musica popolare.

“Alla fine del concerto, che lo porta immediatamente al successo per l’energia della propria esibizione e l’intimismo delle canzoni, conosce il produttore musicale John Reid (Richard Madden):”

con lui inizia una collaborazione professionale e sentimentale che a lungo andare mostra però dei lati fortemente distruttivi. John infatti si rivela cinico calcolatore e per nulla innamorato del compagno: costringe Elton a rivelare la propria omosessualità ai genitori (la madre si è risposata e il padre ha due nuovi figli, cui dimostra l’amore che gli era mancato per il primo) e lo sottopone a tour stressanti che lo allontanano dai vecchi affetti e lo rendono sempre più dipendente da farmaci, alcol e droghe. Nemmeno il suo ricovero, a seguito di uno sventato annegamento in piscina indotto dallo sballo durante una festa, convince John a mollare la presa. Elton realizza però di dover chiedere aiuto e diventare indipendente dai propri fantasmi, e decide di non presentarsi all’ennesimo data per recarsi, con tanto di abiti, alla riunione di supporto da cui è partito il lungo flashback.

Ormai in cura, Elton riallaccia i rapporti con l’amico Bernie, che non ha mai smesso di volergli bene, e arriva ai giorni nostri: le didascalie finali informano che il cantante è disintossicato da 28 anni, impegnato nella lotta all’Hiv e, raggiunto il compromesso con il proprio successo planetario, padre di due bambini avuti con l’attuale marito David Furnish.

Recensione:

Rocketman vuole essere, nelle intenzioni, un’autobiografia di Elton John che ne segue la vicenda facendola presentare direttamente dalle canzoni più belle dell’artista. Questo è sicuramente il pregio maggiore del film: alcune scene di ballo sono ben coreografate, con riferimenti ora alla video-art ora al musical da sobborgo, e il lavoro di arrangiamento dei pezzi di Elton ad opera di Matthew Margeson (dittico di Kingsman, 2014-2017) è molto riuscito, affiancando la voce del cantante a quella inaspettatamente duttile e piacevole di Taron Egerton.

Complici sicuramente i costumi colorati e fantasiosi di Julian Day e le scenografie di Marcus Rowland (L’alba dei morti dementi, 2004; Hot Fuzz, 2007), che danno il proprio meglio nella ricostruzione atmosferica dei luoghi giovanili di Elton. Qui però i pregi si fermano. Sembra quasi che tutti i presupposti per creare un lavoro originale, ideale incontro di musica pop e cinema, lasci appena intravedere le possibilità e diventi una sequela di occasioni mancate.

Continua...

Offerta Partner

Partendo dagli aspetti meno dolenti, l’interpretazione di Egerton, per quanto si impegni e dimostri uno studio appassionato del personaggio, risulta poco carismatica e non convince. Tutti gli altri attori non lasciano il segno, a parte forse l’empatica Gemma Jones nel ruolo della nonna. Il demerito non deve essere tanto attribuito a loro, in verità, quanto alla sceneggiatura di Lee Hall (Billy Elliot, 2000; War horse, 2000). L’idea di lasciar parlare essenzialmente le canzoni, come detto sopra potenzialmente buona, si risolve in un film che dal punto di vista drammatico è totalmente assente: il personaggio di Elton non esce dal ruolo riciclato di vittima di se stesso e dei propri traumi che trova una via d’uscita, e la narrazione anche dove poteva creare un buon melodramma resta scontata e ingiustamente banale.

Manca una caratterizzazione dei personaggi secondari, ridotti a macchiette che sanno di già visto migliaia di volte, e il contesto storico e culturale (industria cinematografica cinica, sogno americano…) non presenta una minima analisi approfondita. Peccato, perché Elton John è stato protagonista di un periodo della cultura pop mondiale che avrebbe meritato più guizzi di fantasia per essere descritto. Quanto ai dialoghi, la dimensione di totale incertezza del film, che non sa mai se virare verso la commedia, il dramma o la biografia, raggiunge il suo apice: il politicamente corretto e lo scontato abbondano, soprattutto nelle scene più intime. Nel calderone di tematiche personali di Elton, si parla di omosessualità senza che sia un film di stampo queer, di tossicodipendenza senza che sia un film di sensibilizzazione, di amicizia e amore con la profondità psicologica di una teen-comedy.

“Genio e sregolatezza sono, per l’Elton del film, qualità innate e senza uno sviluppo: cambiati alcuni fattori, avrebbe potuto essere un film sul giovane Mozart e nessuno se ne sarebbe accorto.”

Le didascalie finali, come da stereotipo, raccontano la vita del cantante dopo la disintossicazione: ma ormai tali informazioni appaiono scollegate da tutto quanto narrato prima, ammesso che un focus di racconto ci sia effettivamente stato. Oltre a tutto ciò, buchi narrativi e personaggi che compaiono e scompaiono nel nulla assoluto abbondano.

Continua...

Offerta Partner

Quanto alla regia di Dexter Fletcher (Wild Bill, 2011, e co-regia di Bohemian Rhapsody, non accreditato assieme ad Alvy Singer) questi dà proprio il suo meglio nelle già citate coreografie. Spicca in particolare quella legata alla canzone del titolo, che parte con una sequenza nell’acqua della piscina di grande impatto, e alcuni piani sequenza molto piacevoli (il ballo nel parco divertimenti, i quadretti familiari). Per il resto, non solo non dimostra particolari exploit al di sopra del livello accademico, ma si lancia in alcuni esercizi di stile non richiesti, fra cui l’abuso di slow motion e la fretta assoluta della prima parte: di primo impatto, si fatica veramente a distinguere fra l’inizio del film e i loghi animati delle case produttrici, come accade a Peter al cinema in un divertente sketch de I Griffin.

In definitiva, un film che racconta di un artista che ha rivoluzionato la musica rock e il costume mondiale avrebbe potuto essere più coraggioso e meno buonista. Soprattutto, un film che racconta di Elton John, non certo una scoperta di Sanremo Giovani, non può basarsi unicamente sugli pur ottimi momenti musicali per raggiungere la sufficienza.

Pro:

  • Sequenze coreografiche molto gradevoli.
  • Ottimo arrangiamento dei classici di Elton John.
  • Buoni costumi e scenografie.

Contro:

  • Sceneggiatura scontata e senza drammaticità, che dà una direzione incerta al film.
  • Regia che, laddove non c’è musica, non spicca.
  • Ne consegue che Egerton, per dirla con un’espressione scolastica, si impegna ma non si applica.

0 / 5. 0